Alle Fiere della città ducale conclusa l’ Assemblea dell’ Anci

Rinasce l’Italia, i Comuni al centro della nuova stagione” è stato il tema del dibattito tra sindaci, amministratori locali e rappresentanti di aziende ed istituzioni, che ha ruotato intorno alle sei missioni in cui è articolato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza 

XXXVIII Assemblea annuale dell’ ANCI a Parma

Terzo e ultimo giorno a Parma, per la XXXVIII Assemblea nazionale dell’Anci dal titolo “Rinasce l’Italia. I comuni al centro della nuova stagione”.  “Voglio portare a voi Sindaci il ringraziamento del Governo e mio personale per il lavoro che avete svolto nei mesi difficili della pandemia”,  ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, all’assemblea dell’Anci. Il premier Mario Draghi  era entrato nella plenaria, accompagnato dal presidente dell’associazione Antonio Decaro e salutato da un applauso di centinaia di amministratori in fascia tricolore.

Il presidente dell’associazione, Antonio Decaro, nel dargli la parola, lo ha amichevolmente definito “SuperMario”.

Mario Draghi

Sindaci, sarete al centro della stagione che abbiamo davanti: una straordinaria occasione di riforme e investimenti, grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Il successo del Piano è nelle vostre mani, come nelle nostre.  C’è bisogno di cooperazione tra tutti i livelli dell’amministrazione, nella fase di pianificazione degli investimenti e in quella di attuazione. Questo sforzo deve coinvolgere tutti: Comuni, Regioni, Ministeri”, dice il premier Mario Draghi chiudendo l’assemblea dell’Anci a Parma.

A pochi mesi dall’approvazione del Piano da parte della Commissione Europea, siamo pienamente nella sua fase di attuazione. Nelle prossime settimane il Governo ha in programma una serie di incontri in molte città italiane per confrontarci sulla sua realizzazione. Abbiamo già approvato 159 progetti di rigenerazione urbana su cui investiamo 2,8 miliardi”, ha detto il premier Draghi.

Il video con l’intervento del premier Draghi

Decaro: Draghi è l’esempio che l’ Italia si può governare

Non esistono città ingovernabili, così come non esistono Paesi o situazioni ingovernabili e lei, presidente Draghi, con il suo Governo lo sta dimostrando”. Lo ha detto il presidente Anci Antonio Decaro, nella sua relazione conclusiva all’assemblea di Parma. “Noi di questo, signor presidente la vogliamo ringraziare. Per lo sforzo che sta facendo con i ministri e per l’attenzione che sta dimostrando nei confronti dei Comuni e del nostro lavoro. A questi segnali importanti e concreti vogliamo rispondere con disponibilità e volontà di collaborazione, offrendo proposte e soluzioni, non lamentele né rivendicazioni“.

Fico: “Sindaci elettori del capo dello Stato proposta interessante”

Si deve dare ancora più importanza ai sindaci quindi questa proposta è senza dubbio una strada molto interessante“. Così il presidente della Camera, Roberto Fico, arrivando all’assemblea dell’Anci a Parma e commentando, a margine, la proposta di inserire i sindaci tra i ‘grandi elettori’ del presidente della Repubblica.  “Anche io chiedo che la Legge di Bilancio venga portata all’esame delle Camere il prima possibile per discuterla, per far si’ che il Parlamento possa davvero dire la sua in modo profonda. E’ giusto che arrivi il prima possibile all’attenzione delle Camere“,  ha detto inoltre il presidente della Camera.

Speranza: nel 2024 vogliamo arrivare a 128 mld di Fondo nazionale, finita era tagli

Due anni fa avevamo sul Fondo sanitario nazionale 114 miliardi, oggi 122, l’impegno è arrivare a 128 nel 2024. Un salto così significativo non si era mai visto nella storia del nostro Ssr. A queste vanno sommate anche le risorse del Pnrr, circa 20 miliardi. Quindi si chiude la stagione dei tagli e si apre quella degli investimenti“. Così il ministro della Salute Roberto Speranza. Dobbiamo diventare primo Paese europeo nell’assistenza domiciliare. Fino a pochi mesi fa avevamo una copertura over 65 del 4%, due punti sotto la media europea del 6%. Con i soldi del Pnrr puntiamo al 10%”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza che ha aggiunto: “c’è recrudescenza virus, occorre convincere chi non è vaccinato I numeri dell’Europa devono segnalarci una grande attenzione e l’Organizzazione mondiale della sanità indica una recrudescenza del virus. Dobbiamo insistere a convincere le persone che ancora non hanno fatto la prima dose vaccinale e dobbiamo aprire con ancora più forza la fase dei richiami, perciò ieri abbiamo aperto anche alla fascia tra 40 e 60 anni“.

La seconda giornata

Luciano Decaro, presidente dell’Anci con la ministra Luciana Lamorgese nella secondo giornata di Parma

Ieri sono state affrontate le missioni previste dal PNRR e di interesse dei Comuni, dalla Digitalizzazione, innovazione e competitività attraverso misure che riguardano cultura e turismo, alla presenza (video) di Vittorio Colao, Ministro per l’innovazione tecnologica e la Transizione Digitale, Luciana Lamorgese, Ministra dell’interno,  Massimo Garavaglia, Ministro del Turismo ed infine in collegamento video anche Luigi Di Maio, Ministro degli Esteri.

A chiusura della mattinata di lavori Enrico Mentana, Direttore TG La7, ha condotto il dibattito sul ruolo dei sindaci nel nostro con Paese Roberto Gualtieri, neo eletto sindaco di Roma, Beppe Sala, riconfermato nelle scorse elezioni alla guida del Comune di Milano e gli ex sindaci delle stesse città rispettivamente Walter Veltroni (in video) per Rome e Gabriele Albertini per Milano.

La ministra dell’Interno Lamorgese: “bilanciamento di diritti”

 La ministra Luciana Lamorgese

La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, ha parlato di “bilanciamento dei diritti, quello al lavoro, allo studio e alla salute” ed detto che c’è libertà di manifestazione ma anche “l’esigenza di tanta parte dei cittadini che hanno fatto la vaccinazione ad avere il diritto di spazi di vita sicuri“.

Il video del racconto della seconda giornata

Nei prossimi giorni vi daremo conto delle altre, numerose, iniziative.

Enrico Mentana, Direttore TG La7, con Luciano Decaro prima del dibattito sul ruolo dei sindaci

La cronaca della prima giornata.

Enzo Bianco ha aperto la 38/a assemblea nazionale dell’Anci: «Così i Comuni possono rigenerarsi».

Sindaci e amministratori in fascia tricolore hanno salutato con un lungo applauso l’ingresso del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nella sala plenaria della Fiera di Parma.

L’ Intervento del Presidente Mattarella

I sindaci e le personalità presenti nella prima giornata

La cena di benvenuto celebra l’unicità di Parma City of Gastronomy

Assemblea dell’Anci: la cena di benvenuto celebra l’unicità di Parma City of Gastronomy

Entra nel vivo la XXXVIII Assemblea annuale di Anci (#Anci2021) – “Rinasce l’Italia. I Comuni al centro della nuova stagione”. Sindaci, amministratori locali da ogni parte d’Italia si ritroveranno per discutere, confrontarsi e condividere esperienze, progetti e idee sulle principali questioni che riguardano i Comuni italiani, grandi e piccoli.

Qui tutto il programma completo ell’Assemblea. 

La rinascita dell’Italia non può che partire dai sindaci che sono al centro della stagione di sfide che attende il Paese dopo il periodo buio della crisi pandemica. È la certezza che farà da filo conduttore alla 38° Assemblea nazionale dell’Anci che vedrà la partecipazione, per la settima volta durante il suo mandato, del Capo dello Stato Sergio Mattarella, martedì in apertura dei lavori; mentre nella giornata conclusiva interverranno il presidente della Camera Roberto Fico e quello del Consiglio dei ministri, Mario Draghi.

L’Assemblea dell’Associazione si svolgerà alla Fiera di Parma della città ducale da oggi, 9 novembre fino all’11 novembre, ospitando come al solito, parallelamente ai lavori istituzionali, anche AnciExpo, l’incontro di grandi nomi del mondo dell’imprenditoria, con oltre 100 stand in una superficie espositiva di circa sedicimila metri quadrati, con 8 sale collaterali per ospitare oltre 40 convegni a latere. Si annuncia una presenza significativa di amministratori, con quasi 2mila partecipanti già iscritti online, con quasi cento provenienti dall’Emilia Romagna.

Molto qualificata la presenza istituzionale ai lavori che si apriranno martedì 9 novembre alle 17.00 con la relazione del presidente dell’Anci Antonio Decaro.

Dal palco dell’Assemblea si alterneranno ben undici ministri: Mara Carfagna (Sud e Coesione territoriale), Luciana Lamorgese (Interno), Dario Franceschini (Cultura), Massimo Garavaglia (Turismo), Enrico Giovannini (Infrastrutture e Mobilità sostenibili), Mariastella Gelmini (Affari Regionali e Autonomie), Patrizio Bianchi (Istruzione), Elena Bonetti (Pari Opportunità e Famiglia); Renato Brunetta (Pubblica Amministrazione), Andrea Orlando (Lavoro e Politiche Sociali) e Roberto Speranza (Salute); con loro anche la sottosegretario al Ministero della Transizione Ecologica Vannia Gava.

Il confronto e il dibattito tra sindaci (una cinquantina presenti come relatori), amministratori locali e rappresentanti di aziende ed istituzioni, ruoteranno intorno alle sei missioni su cui si snoderà il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per una mobilità sostenibile; istruzione e ricerca; inclusione e coesione.

Il programma dei lavori