Si conclude oggi, 10 gennaio 2022, a Gallipoli il ciclo di appuntamenti a tema intitolato “Quattro chiacchiere tra Briganti iniziato il 27 settembre 2021, dedicato alla degustazione di bollicine, vini e distillati delle più prestigiose aziende nazionali e internazionali, a cura di Fabio Mercuri, sommelier dell’Osteria Briganti di Gallipoli.

In scena sono andate delle degustazioni per i winelovers più esigenti e affezionati. Dalle bollicine francesi della Maison Laurent Perrier, alla verticale di bollicine pugliesi metodo classico della Cantina Coppola 1489 dosaggio zero, ai vini non filtrati di Marco Ludovico, pioniere del vino artigianale ai vini dell’azienda Cantele di Guagnano, antica cantina del territorio salentino, che inneggia con il suo claim “il vino, al pari di un uomo, è la sua storia”, e oggi, per ultimo, il tasting di distillati della Compagnia dei Caraibi con la presenza e la direzione del brand ambassador Francesco Serra dal titolo “Degustazione Rum & Cioccolato”.

Un incontro per raccontare i prodotti dell’azienda Diplomàtico, coi suoi rum che portano con sé qualità e il sapore di fare del “bene” dal momento che, il ricavato della serata, sarà completamente devoluto in beneficenza all’associazione “Uniti per Marco SVS”.

L’associazione, con sede a Gallipoli, nasce dalla volontà di un angelo dal cuore immenso, un angelo volato in cielo troppo presto a causa di una leucemia linfoblastica.

Marco, così si chiamava, mentre era in ospedale espresse il desiderio e il sogno che, una volta uscito, avrebbe voluto aiutare i bambini malati o in difficoltà. Purtroppo lui non ce l’ha fatta, ma il suo sogno è stato realizzato dai suoi genitori e dai tanti volontari che si impegnano a dare e portare sollievo a chi ne ha bisogno, con iniziative e partecipazioni a manifestazioni.

Anche la beneficenza può essere inebriante con i Rum della distilleria Diplomàtico, la cui identità si fonda su un continuo impegno verso la qualità e nel mettere passione e cuore nella creazione del rum.

Marchio indipendente, a conduzione familiare, controlla l’intera filiera produttiva dal campo alla bottiglia, per creare rum di qualità superba.

La distilleria Diplomático si trova ai piedi delle Ande in Venezuela, dove scorrono le acque più pure e, questa collocazione, è stata accuratamente selezionata anche per la vicinanza ai principali impianti di lavorazione della canna da zucchero.

Fondata nel 1959, Licorerías Unidas S.A (LUSA) possedeva la distilleria attraverso il suo principale azionista, Seagram’s International, una delle più grandi aziende di vini e liquori al mondo. Nel 2002, LUSA fu venduta a un gruppo di imprenditori venezuelani, diventando così una società privata; la distilleria è unica in quanto ospita tre diversi processi di distillazione che, combinati alla maestria nell’arte del blending, producono rum iconici (come il Diplomático Reserva Exclusiva), acclamato in tutto il mondo.

Il Rum invece nasce e si sviluppa nelle isole caraibiche, quando la coltivazione della canna da zucchero esplode nelle colonie, conseguentemente al lavoro degli schiavi, i quali permisero una produzione quasi industriale a costo zero. Il nostro immaginario è anche costellato di pirati che bevono rum e cercano tesori…un’immagine stereotipata!

Il Rum è un’acquavite che si ottiene dalla distillazione della canna da zucchero. Quello migliore ed il più pregiato è il rum agricolo, che viene prodotto partendo dalla distillazione di tutto il succo della canna da zucchero. Il rum tradizionale invece, è distillato a partire dalla melassa.

Diplomático dà grande valore alla qualità e all’autenticità nel processo produttivo e, grazie alla prerogativa dei suoi prodotti e all’impegno sociale e ambientale (tra gli altri riconoscimenti), nel 2018, l’importante rivista Wine Enthusiast, ha premiato la distilleria come “Spirit Brand of the Year”, assegnato per la prima volta ad un’azienda di Rum.

Il tasting “Degustazione Rum & Cioccolato” prevede le seguenti etichette: Reserva Esclusiva, Seleccion De Familia, Planas e Mantuano, quattro tipologie di rum in abbinamento al famoso cioccolato Domori, un’eccellenza italiana.

Una lodevole iniziativa quella di Fabio, che vuole coniugare il buon bere alla beneficenza per una buona e giusta causa.

Donare è un piccolo gesto, ed è prezioso per chi lo riceve. Tante gocce riempiono un calice e accendono la speranza di chi soffre ed è meno fortunato di noi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: