Stefania Rizzelli di Formigine (Modena) lavora in un laboratorio dell’industria alimentare e si occupa di ricerche microbiologiche trattando i batteri e le muffe di alimenti come la carne, cereali, formaggi e altri prodotti alimentari. E proprio grazie a questa esperienza sul campo ha sviluppato una particolarissima tecnica fotografica con la quale riesce a ottenere vere e proprie opere d’arte.

Dall’inizio Gustoh24 pubblica le sue opere, “Ricette Artofbacteria” (leggere QUI), ed oggi continuiamo con un’altra ricetta d’ Artista, Millefoglie, con una premessa di Stefania.

Stefania Rizzelli

Ricette d’Artista di Stefania Rizzelli

Ciò che vorrei fare è catturare l’affascinante mondo della natura che in maniera silenziosa dimostra la sua arte.

L’eterna passione artistica che mi accompagna da sempre mi ha spinto verso l’indagine delle più svariate forme d’arte. Le mie conoscenze nel campo della biologia mi hanno portato alla scoperta del mondo microbico attraverso forme d’arte di straordinaria bellezza. L’obiettivo è di far conoscere e diffondere dei capolavori naturali a un pubblico curioso e dal gusto originale.

L’idea che vorrei presentarvi è un ricettario assai insolito che associ “arte e gusto”…ogni volta che si prepara un buon piatto con passione, si rende anche artisticamente presentabile, magari ponendolo su un piatto elegante o associandolo a decori con salse colorate; così facendo il piatto è invitante per il solo fatto di essere esteticamente “bello”.

Lo sapevate che all’interno del cibo che mangiamo esiste un’arte straordinariamente affascinante? Per questo me ne sono occupata io. Con un grande e faticoso lavoro minuzioso vorrei dimostrarvi che un piatto può essere bello anche dentro.

Per l’aspetto esteriore ci pensa la nostra vena artistica e all’interno ci pensano i nostri amici “batteri” che con la loro arte silenziosa e misteriosa si divertono a disegnare immagini mirabili. Continuiamo insieme un percorso all’interno delle mie “Ricette Artofbacteria” guidandovi nel mondo microbico di Stefania Rizzelli.

www.artofbacteria.it

MILLE FOGLIE DI POMODORI CON PROSCIUTTO DI PARMA, MOZZARELLA E ACETO BALSAMICO

INGREDIENTI PER 12 CUCCHIAI

12 POMODORI A GRAPPOLO

UNA MOZZARELLA

3 FETTE DI PROSCIUTTO CRUDO

10 FOGLIE DI BASILICO

1/2 BAGUETTE

6 CUCCHIAI DI ACETO BALSAMICO

SALE E PEPE

PREPARAZIONE 20 MINUTI

  1. LAVATE E ASCIUGATE I POMODORINI E TAGLIATELI A RONDELLE SOTTILI USANDO UN COLTELLO A LAMA SEGHETTATA

  2. TAGLIATE LA MOZZARELLA A FETTE ABBASTANZA SOTTILI E RICAVATENE ALCUNI DISCHI CON IL BORDO DI UN BICCHIERE DEL DIAMETRO DEI POMODORI

  3. IN UNA SCODELLA EMULSIONATE L'ACETO E TRE CUCCHIAI DI OLIO D’OLIVA. SALATE E PEPATE. LAVATE LE FOGLIE DI BASILICO, SMINUZZATELO E AGGIUNGETELO ALLA SALSA

  4. TAGLIATE A RONDELLE SOTTILI LA 1/2 BAGUETTE; IN UNA PADELLA FATE SCALDARE 3 CUCCHIAI D’ OLIO D'OLIVA E FATE DORARE LE RONDELLE DI PANE SU ENTRAMBI I LATI. TOGLIETE I CROSTINI DAL FUOCO. TAGLIATE LE FETTE DI PROSCIUTTO DELLA DIMENSIONE DEI POMODORI. MONTATE LE MILLEFOGLIE ALTERNANDO RONDELLE DI POMODORO, DISCHI DI MOZZARELLA E PEZZI DI PROSCIUTTO. DISPONETE UNA MILLEFOGLIE SU OGNI CUCCHIAIO (DOVRA’ ESSERE SUFFICIENTEMENTE GRANDE) E SERVITE CON UN FILO DI ACETO BALSAMICO.

L’ARTISTA PROTAGONISTA DI QUESTA RICETTA SI CHIAMA “BACILLACEA”, UNA SPECIE BATTERICA PRESENTE IN NUMEROSI ALIMENTI, BELLISSIMA NELLA SUA FORMA ARTISTICA, AFFASCINANTE NEL SUO GENERE. LA SUA ARTE PUO’ ESSERE PROPOSTA IN AMBIENTI FRESCHI E A PERSONALITA’ AMANTI DEL MARE.