La Gazzetta di Parma di domenica 24 aprile 2022

L’appuntamento di Roma con i primi firmatari, Giorgio Calabrese,  Alfonso Pecoraro Scanio e Loredana De Petris

Mercoledì 27 aprile, ore 10:00 al Senato nella sala “Caduti di Nassyria”, si terrá la conferenza su “Sicurezza alimentare è anche qualità e sostenibilità“.

Appello all’Autorità Europea sulla sicurezza alimentare ( Efsa) su qualità e sostenibilità alimentare.

Sarà prevista la presenza dei primi firmatari dell’appello, il Prof. Giorgio Calabrese (Presidente Comitato nazionale per la Sicurezza alimentare del Ministero della Salute), l’ On. Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione Univerde) che da Ministro dell’agricoltura avviò il tema autorità europea dopo emergenza mucca pazza, la Sen. Loredana De Petris (Presidente Gruppo Misto al Senato),, Donato Troiano (Direttore di Gusto 24) e Stefano Zuppello Presidente nazionale Verdi Ambiente & Società.

Previsto anche l’intervento di Ettore Prandini (Presidente nazionale Coldiretti) da sempre impegnato sulla tracciabilità alimentare.

Capienza limitata, per partecipare occorre registrarsi.

Info@fondazioneuniverde.it

I promotori e firmatari della lettera/appello sono: Giorgio Calabrese, Presidente Comitato nazionale per la Sicurezza Alimentare del Ministero della Salute; Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente di UniVerde, già Ministro dell’Ambiente e dell’Agricoltura, Loredana De Petris, Capogruppo del Gruppo misto del Senato della Repubblica, Gianni Mattioli, già Ministro delle politiche Comunitarie, Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e già ministro dell’Ambiente, Enrico Derflingher, Presidente internazionale di Euro-Toques, Guido Pollice, Presidente onorario di Verdi Ambiente & Società, Rocco Pozzullo, Presidente nazionale FIC – Federcuochi, Claudia Sorlinigià Preside della Facoltà di Agraria dell’Università di Milano, Nelson Marmiroli, Professore Emerito Biotecnologie ambientali dell’Università di Parma, Direttore del Consorzio InterUniversitario Scienze Ambientali (CINSA),  Donato Troiano, direttore di Gustoh24 e del Consiglio nazionale dell’associazione ambientalista Verdi Ambiente & Società, Stefano Zuppello, Presidente nazionale di Verdi Ambiente & Società.

Ecco il testo della Lettera/Appello

Cliccare QUI

Nelson Marmiroli

Una nota del professore Nelson Marmiroli sul “biologico”

Quello che in Italia viene chiamato “biologico” e nel resto dell’Europa e del mondo molto spesso definito invece come “organico”  è senza dubbio uno degli aspetti più innovativi e promettenti dal punto di vista ambientale ed economico.

Secondo stime recenti la fetta di mercato del biologico in  Italia supera ormai il 10% di media con picchi  anche del 20-30% in alcuni settori.

Ma al di la della rilevanza di mercato il biologico esercita una funzione essenziale nel promuovere la transizione verso una agricoltura più sostenibile e per una maggiore circolarità nella gestione delle risorse naturali.

Non bisogna poi dimenticare il ruolo di argine che il biologico ha avuto nella complessa vicenda della cooesistenza tra diversi tipi di agricoltura e nel limitare l’espansione del transgenico in  Europa e in Italia.

Che ad EFSA, l’Autorità Europea indipendente preposta a formulare pareri per la Commissione Europea ed il Parlamento Europeo nel campo della sicurezza alimentare, vengano conferite specifiche competenze in questo campo è segno di maturità e continuità di pensiero e di azione.

Parma, la Regione Emilia Romagna, le sue Università, Centri di Ricerca ed aziende sono un punto di riferimento a livello Europeo

Anche perchè EFSA ha attraverso i suoi panel scientifici la possibilità di raccogliere a Parma (sua sede) tutte le competenze necessarie avvalendosi anche di un contesto scientifico tecnico e produttivo che fa di Parma, della Regione Emilia Romagna  delle sue Università, Centri di Ricerca ed aziende un punto di riferimento a livello Europeo se non mondiale.

In particolare l’Università di Parma ha sempre espresso competenze alte su questo tema come documentato da tutta una serie di progetti nazionali ed Europei, iniziative scientifiche di alto profilo e una sequela di pubblicazioni riconosciute come seminali a livello internazionale .

La imminente opportunità dei progetti PNRR potrebbe segnare poi un punto a favore del “biologico ”  e quindi di una suo riconoscimento come valore strategico per la ricerca e  per lo sviluppo di nuove opportunità imprenditoriali a livello locale, regionale , nazionale e financo europeo.

Il nostro  Paese, i nostri territori, ci chiederenna sicuramente presto conto di quanto avremo fatto per cogliere  le opportunità che il “biologico” può offrire .

Portare in Italia, a Parma, entro EFSA  questo tipo di competenze è sicuramente un passo importante. Come deve essere importante cogliere  l’occasione che questo può offrire a livello di ricerca e di sviluppo che sono gli unici motori in grado di fare la differenza”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: