La Cooperativa imolese – che comprende anche i brand Zuarina e Faggiola – si presenta a Bologna fiere (Padiglione 26 – Stand B68/C67) con una ricca gamma di salami che punta su tradizioni regionali, leggerezza e naturalità per rispondere a un mercato sempre più esigente e “fluido”

Il Direttore Generale Pietro D’Angeli: «Nel 2022 cade per noi un anniversario importante, da 60 anni siamo in ascolto dei territori e dei consumatori per migliorare costantemente le nostre proposte, i servizi e i processi produttivi»

MarcabyBolognaFiere, il Salone internazionale sui prodotti a Marca del Distributore che si tiene il 12 e 13 aprile prossimi, sarà il primo grande appuntamento post compleanno per CLAI, che il 19 marzo ha raggiunto il traguardo importante dei 60 anni, celebrato donando un’ambulanza al Servizio UOC 118 di Pronto Soccorso ed Emergenza AUSL di Imola come segno tangibile del legame con il territorio e dell’attenzione ai bisogni delle persone. Un’altra iniziativa che si inserisce nel percorso di sistematica attenzione sociale che aveva già dato “prova di sé” con la donazione di 400mila pasti distribuiti alle persone in difficoltà, grazie alla rete del Banco Alimentare, il sostegno agli ospedali di Imola e Parma durante il periodo dell’emergenza pandemica, la collaborazione con la Fondazione ANT Italia Onlus, che ha permesso di effettuare visite mediche di prevenzione ai dipendenti CLAI e l’accordo stipulato con il FAI per supportare la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico del nostro Paese.

Il commento di Pietro D’Angeli, Direttore Generale di CLAI

Pietro D’Angeli

Un’attenzione a 360 gradi, dunque, che emerge in tutta la sua essenza anche quando l’ascolto può aiutare a definire al meglio le caratteristiche dei prodotti da portare sul mercato: «Oggi più che mai i consumatori chiedono più qualità e carni italiane – sottolinea infatti Pietro D’Angeli, Direttore Generale di CLAI –. E alle legittime esigenze di standard elevati per quanto riguarda il gusto e il sapore dei prodotti, si aggiunge una tendenza crescente a effettuare scelte d’acquisto maggiormente consapevoli. Concentrarsi “solo” sui prodotti non è però sufficiente, il consumatore non fa più sconti neppure sul piano della sostenibilità, attribuendo le proprie preferenze alle aziende che dimostrano nei fatti di voler limitare al massimo il proprio impatto sull’ambiente. In CLAI teniamo in grande considerazione tutti questi elementi fin dalla nostra nascita, di cui in questi giorni ricorre un anniversario importante. Da ormai 60 anni, infatti, siamo in ascolto del territorio e dei consumatori per migliorare costantemente le nostre proposte, i servizi e i processi produttivi».

Qualità dei prodotti e carni italiane al 100 per cento, dunque. A cui CLAI (insieme a Zuarina e Faggiola, gli altri due brand che fanno parte della food company) aggiunge un elevato livello di expertise, assieme all’attenzione alla sicurezza, alla capacità di innovare e alla cura nella gestione della filiera. Senza dimenticare la forza generata dall’integrazione con il mondo della carne – in particolare il settore delle carni suine e bovine – e dei formaggi, che contribuiscono a completare ulteriormente l’offerta di CLAI.

Ma a Bologna, tra i protagonisti della proposta CLAI, ci saranno senz’altro i salami che vengono proposti interpretando al meglio le esigenze di un mercato sempre in evoluzione. Assecondando per esempio la richiesta di “tipicità” e interpretando in chiave moderna le ricette della tradizione regionale. Non solo i prodotti del territorio d’origine emiliano-romagnoli come il Salame Contadino, il Campagnolo o la famosa Salsiccia Passita, dunque ma anche salami come la Ventricina e la Spianata, che hanno radici prettamente meridionali, o la Soppressa e il Padano che si collocano invece più a Nord.

CLAI riesce a interpretare in termini qualitativi le tipicità locali di tutta Italia grazie all’expertise dei suoi uomini e alla connessione emotiva e valoriale che si è creata nel tempo con il territorio d’origine. E questa capacità non si è rivelata preziosa soltanto con i salami ma, come dimostra l’attività di comunicazione “Italianissimi”, anche con altri affettati gustosi delle tradizioni locali come il prosciutto cotto, il crudo di Parma, la coppa o la mortadella.

Alla richiesta di “localismo” e “tipicità”, si affiancano però anche i trend più moderni che richiedono salumi naturali e light, in cui prevale la logica del “senza”.

Imola 1962 è la proposta di CLAI alla richiesta di prodotti più naturali. È un salame senza conservanti e con una lista ingredienti cortissima. Si tratta di un prodotto che ha richiesto un percorso di ricerca di oltre due anni e in cui CLAI s’identifica pienamente. È un salame unico nel suo genere, ha infatti le stesse caratteristiche di quello “fatto in casa”, come da tradizione, ma con una differenza sostanziale: l’investimento realizzato da parte di una grande realtà agroalimentare ha consentito di raggiungere, nonostante la mancanza di conservanti, uno straordinario risultato sul piano della sicurezza del prodotto. L’assenza di nitriti e nitrati, inoltre, esalta la genuinità di caratteristiche come consistenza, colore e sapore. 

Per soddisfare invece le richieste legate ai temi del benessere e della leggerezza, CLAI ha creato il salame Bella Festa Light, che ha il 50% in meno di grassi rispetto ad un tradizionale salame Milano. Il particolare processo di stagionatura permette inoltre di ridurre la percentuale di grasso, che raggiunge al massimo il 15%, mantenendo inalterato il sapore, del tutto simile a quello dei salami tradizionali. 

A rafforzare questa posizione sul versante del benessere contribuisce anche il percorso legato al Bio con Zuarina, il salumificio di Langhirano che conta una più che secolare esperienza nell’antico “saper fare” il prosciutto di Parma. Si tratta di uno dei primi prosciuttifici italiani a caratterizzare la propria proposta anche in questi termini: una declinazione che comprende, tra le ultime novità, una linea di affettati composta da dieci referenze che abbracciano i prodotti classici della salumeria italiana.

Sempre in questa categoria, sta offrendo ottimi riscontri anche la Caciotta Bio Faggiola, un prodotto preparato solo con ottimo latte biologico e con fermenti selezionati. Il gusto è quello classico e inconfondibile delle tradizionali caciotte, ricco di freschezza e dolcezza. Un’altra delizia che sarà possibile conoscere da vicino e provare nel corso di Marca presso lo stand CLAI (Padiglione 26 – Stand B68/C67).

 

12 aprile: al via la fiera “Marca del Distributore” by BolognaFiere

Convegno inaugurale sul tema: “Marca del distributore e consumatore nella società che cambia”. (leggere su Gustoh24).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: