Il ministro Garavaglia annuncia: “Ad ottobre siamo pronti insieme con le Regioni a riscrivere il Piano strategico del turismo”.

Con ‘una sostenuta affluenza di visitatori’, si è chiusa l’edizione 2022 della Borsa Internazionale del Turismo, tornata in presenza dopo quella dello scorso anno che si era svolta ugualmente ma su piattaforma.

Da domenica a martedì 3 giorni ‘di intenso networking e presentazioni di novità, nei primi due alla presenza del ministro del Turismo Massimo Garavaglia, a dimostrazione di quanto il settore sia importante per l’Italia e per la ripresa.

 Massimo Garavaglia, Daniele D’Amario e Niko Romito

Il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, ha anche annunciato che il prossimo mese di ottobre: “siamo pronti insieme con le Regioni a riscrivere il Piano strategico del turismo. Ha nella giornata inaugurale visitato lo stand Abruzzo accolto dall’assessore e coordinatore degli assessori regionali al Turismo, Daniele D’Amario e dallo chef tristellato Michelin Niko Romito.

Negli ultimi due  anni a causa della pandemia il turismo ha subito stravolgimenti  eccezionali – aggiunge Garavaglia – per questo con le Regioni  abbiamo concordato di tracciare di nuovo le linee strategiche della  promozione del brand Italia, adeguando lo strumento di programmazione  alle rinnovate esigenze del mercato turistico”.

I cammini religiosi si intersecano con altri prodotti dell’offerta regionale d’Abruzzo: i parchi nazionali e le bellezze architettoniche e monumentali. Lo evidenzia l’assessore dell’Abruzzo al Turismo Daniele D’Amario: “Il messaggio che ci arriva dai Parchi e dalle sovrintendenze è il segnale più convincente di un Abruzzo nuovo, pronto a mettere insieme le forze dirette verso una direzione comune. Il sentimento comune di fare squadra è l’unico in grado di far aumentare l’attrattività del territorio”.

Dalla Bit sono emerse anche le tendenze del futuro, come il metaverso e i viaggi spaziali, ma anche la propensione sempre più amplificata nella prossima stagione del turismo slow, etico e sostenibile.

“Questo ritorno in presenza è andata benissimo per noi – ha detto l’Assessore del Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, Manlio Messina – Partendo dall’enogastronomia come filo conduttore, abbiamo creato percorsi ed eventi culturali e musicali, tutti radicati nella storia, come il Sicilia Jazz Festival”.

Anche tra le destinazioni estere il mood è verso la valorizzazione del turismo sostenibile e responsabile, come afferma Heitor Kadri, Overseas Operation Manager dell’Agenzia Brasiliana di Promozione Internazionale del Turismo. “Il mercato italiano è una delle nostre priorità – ha detto -. Espressamente per Bit abbiamo creato uno speciale tour di 10 città con una forte eredità italiana”. Soddisfatti anche i buyer.
“Siamo qui per cercare nuovi prodottiha detto Rena Keberlinskaya di Quintessentially Travel (Azerbaigian)e qui abbiamo trovato proposte interessanti per tutti i nostri segmenti”. “E’ la prima volta che partecipo – ha aggiunto Youssef Hassam di Adrenaline (Dubai) con una clientela che richiede in particolare hiking e trekking all’aria aperta, una relativa novità per il loro mercato – e sono molto colpito dalla qualità degli espositori e la varietà dell’offerta” . Per Liviu Morariu di Congress Bookers un’azienda che lavora molto nel business travel ‘la presenza di un MICE Village è stato un grande aiuto per noi nel trovare i fornitori che ci interessavano’. Il prossimo anno la Bit torna nella consueta collocazione a febbraio, dal 12 al 14 febbraio 2023.

BIT 2022, l’ ENIT presenta la sua nuova immagine

Altre notizie su Gustoh24

Pillole dalla BIT: terza giornata, gli ultimi appuntamenti

Le altre notizie delle prime due giornate su Gustoh24

Nello stand della Calabria è stato celebrato i Bronzi di Riace, a 50 anni (agosto 1972-2022) dal ritrovamento dei guerrieri con l’obiettivo di valorizzare questo grande patrimonio che tutto il mondo deve conoscere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: