La Giornata dell’Europa, che si svolge ogni anno il 9 maggio, celebra la pace e l’unità in Europa. La data segna l’anniversario della storica dichiarazione in cui l’allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman espose l’idea di una nuova forma di collaborazione politica in Europa, che avrebbe reso impensabile la guerra tra le nazioni europee. La proposta di Schuman è considerata l’atto di nascita di quella che oggi è l’Unione europea.

La data segna l’anniversario della storica dichiarazione 

Pochi sanno infatti che il 9 maggio 1950 è nata l’Europa comunitaria, proprio quando lo spettro di una terza guerra mondiale angosciava tutta l’Europa.

Alcuni ricordi. Quel giorno a Parigi la stampa era stata convocata per le sei del pomeriggio al Quai d’Orsay, sede del Ministero degli Esteri, per una comunicazione della massima importanza. Le prime righe della dichiarazione del 9 maggio 1950 redatta da Robert Schuman, Ministro francese degli Affari Esteri, in collaborazione con il suo amico e consigliere, Jean Monnet, danno un’idea dei propositi ambiziosi della stessa. “La pace mondiale non potrebbe essere salvaguardata senza iniziative creative all’altezza dei pericoli che ci minacciano”. “Mettendo in comune talune produzioni di base e istituendo una nuova Alta Autorità le cui decisioni saranno vincolanti per la Francia, la Germania e i paesi che vi aderiranno, saranno realizzate le prime fondamenta concrete di una federazione europea indispensabile alla salvaguardia della pace“.  Parole attualissime di fronte alla situazione di guerra con l’aggressione della Russia in Ucraina.

Veniva allora proposto di porre in essere una istituzione europea sovrannazionale cui affidare la gestione delle materie prime che all’epoca erano il presupposto di qualsiasi potenza militare, il carbone e l’acciaio

Oggi numerose iniziative si svolgeranno anche in Italia per riflettere sulle nuove priorità dell’Unione: cultura, sicurezza alimentare, sostenibilità, qualità alimentare, biodiversità, innovazione, integrazione, pace, solidarietà e ambiente.

La Gazzetta di Parma intervista il direttore dell’Efsa Bernhard Url

Il numero odierno della Gazzetta di Parma dedica una pagina alla Festa dell’Europa dando risalto all’Efsa, l’Authority per la sicurezza alimentare, accolta a Parma nel lontano 2005.

In una intervista a cura di Monica Tiezzi, il direttore esecutivo dell’Efsa Bernhard Url, ricorda che quest’anno ricorreranno i vent’anni dell’istituzione dell’Efsa e preannuncia una serie di iniziative nella città che la ospita Parma. In questi anni ha dichiarato Url, l’Efsa ha saputo evolvere continuando a contribuire in maniera cruciale alla sicurezza alimentare dell’Ue”.

La pagina della Gazzetta di Parma del 14 dicembre 2003

Proprio con questo stesso spirito in autunno anche la nostra testata, insieme alla Fondazione Univerde, all’associazione ambientalista Vas ed ad altre realtà nazionali e locali, promuoverà un incontro nazionale a Parma proprio per discutere dell’ampliamento delle nuove competenze dell’Efsa che per Gustoh24 si possono racchiudere nei concetti di Sostenibilità e Qualità alimentare. (leggere su Gustoh24).

Una targa davanti all’ Efsa di Parma che ricorda che “venne creata nel 2002”
La targa integrale davanti all’ Efsa di Parma c

Festa Europa. Alfonso Pecoraro Scanio:

UE nata contro guerra eviti nuovo conflitto mondiale. lavori per Pace e sovranità alimentare e energetica”

Alfonso Pecoraro Scanio

Unione Europea nasce proprio dopo il dramma della guerra mondiale e ora deve evitare escalation di guerra e armi. Questo è il senso della festa dell’Europa del 9 maggio che cade in pieno dramma guerra”. Lo dice Alfonso Pecoraro Scanio presidente della fondazione Univerde e già ministro di ambiente e agricoltura che denuncia c’è  il rischio che le lobby delle armi ,dei fossili e del cibo anonimo ci trascinino in un conflitto mondiale e in una crisi climatica e alimentare drammatiche. La Ue deve guidare un’azione diplomatica non di facciata e puntare a sovranità energetica e alimentare basate su rinnovabili e cibo di qualità e agricoltura sostenibile”.

Festa dell’Europa a Roma – 9 maggio ore 19:30 – Piazza del Campidoglio, Roma

In occasione della festa dell’Europa, il Parlamento europeo, la Commissione europea, il Comune di Roma e l’Ambasciata di Francia in Italia organizzano un evento-concerto di celebrazione dell’Unità europea.

Il 9 maggio si celebra a Roma la Festa dell’Europa: l’appuntamento è alle 19:30 in Piazza del Campidoglio dove si svolgerà un evento-concerto dei Filarmonici di Roma con i violinisti Oleksandr Semchuk Ksenia Milas, lui ucraino, lei russa, marito e moglie nella vita e coppia anche nell’arte. A seguire, esibizione del Coro Tyrtarion dell’Accademia Vivarium Novum.

Interverranno il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e, con dei videomessaggi, la vice presidente del Parlamento europeo Pina Picierno, il commissario per gli Affari economici e monetari Paolo Gentiloni e il ministro degli esteri Luigi Di Maio.

Sarà l’occasione per testimoniare la vicinanza dell’Unione europea al popolo ucraino e per ricordare David Sassoli, il presidente del Parlamento europeo scomparso nel gennaio scorso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: