E’ la voglia di normalità quella che si vede, girando tra gli stand di Rimini fiere,  mentre si apre in presenza, dopo il Sigep, la seconda fiera promossa da Italian Exhibition Group. 

Molte sono le “facce“ di questa settima edizione di Beer&Food Attraction aperta nel salone di Rimini fiere oggi, domenica 27 e si conclude mercoledì 30 marzo. Ne citiamo solo due.

Da una parte la presenza delle nuove tendenze legate al settore HO.RE.CA con la presenza di tutto il mondo della birra artigianale e dall’altra una grande area della fiera trasformata nella più grande cucina d’Italia per merito della Fic, la Federazione italiana cuochi.

In questa prima giornata è cominciata infatti la 6ª edizione dei Campionati di Cucina Italiana (Fic Arena, pad. C7), organizzati dalla FIC Federazione Italiana Cuochi e da Italian Exhibition Group, e si è svolto il contest Ragazzi Speciali, che quest’anno ha avuto per padrino il tristellato Michelin, Mauro Uliassi.

Grande festa nel pomeriggio quanto i giovani chef sono stati acclamati, assieme a Uliassi, dal numeroso pubblico presente.

Lo chef tristellato Mauro Uliassi con i Giovani chef della Fic

L’inaugurazione di apertura

La manifestazione riminese è stata aperta da un dibattito, moderato dal giornalista Cesare Trevisani, che ha visto la presenza di Corrado Peraboni, Ceo di Italian Exhibition Group, Mattia Morolli, assessore ai Lavori pubblici, Edilizia scolastica, Transizione digitale, cura e sviluppo dell’identità dei luoghi al Comune di Rimini, Antonio Portaccio, presidente di Italgrob, Rocco Pozzulo, presidente di FIC Federazione Italiana Cuochi e Alfredo Pratolongo, presidente di Assobirra.

Trevisani ha dato la parola a Corrado Peraboni, Ceo di Italian Exhibition Group, che dopo aver espresso solidarietà alla popolazione ucraina in lotta contro l’invasione russa, ha parlato di “iniziative concrete, insieme al Comune di Rimini” e della disponibilità “di concedere spazi gratuiti alle aziende ucraine per esporre i propri prodotti nelle prossime fiere, organizzate da IEG”. Peraboni ha poi sottolineato come “il settore che rappresentiamo è quello più colpito dal Covid ma la nostra scelta è stata quella di non fermarci ma ripartire da subito e i numeri delle presenza a Beer & Food ci stanno dando ragione“.

Siamo lieti di portare la nostra presenza e l’International Horeca Meeting anche a questa edizione di Beer&Food Attraction. Una presenza –ha detto Antonio Portaccio, presidente Italgrob– resa possibile dalla forte sinergia con Ieg, rinnovata con soddisfazione nel 2021 nonostante le condizioni proibitive dello scenario socioeconomico. La volontà di proseguire insieme nasce dall’impegno comune di valorizzare il food&beverage made in Italy dei sapori e dei saperi. È la filiera dello stare insieme, del sentirsi a casa, che ha il turismo come grande alleato e che lavora nell’unica direzione del consumatore finale, grazie all’impegno di ogni singolo operatore di filiera”.,

Alfredo Pratolongo, presidente Assobirra, ha osservato che “Il 2021 è stato un anno di recupero per un settore che ha perso 1,4 punti nel 2020, su un valore totale di 9,5 miliardi di euro, e che ha ben retto agli urti della pandemia. Grande merito va dato alla dorsale distributiva e al lavoro delle grandi imprese così come a quello delle centinaia di piccole realtà brassicole, tutte unite in uno sforzo comune votato alla valorizzazione sostenibile delle materie prime, alla decarbonizzazione e all’impegno sociale e ambientale”.

“Questo ritorno in presenza –ha detto Rocco Pozzulo, presidente di Fic-rappresenta per noi un passo fondamentale ed è un segnale di ripresa per tutto il settore e per il made in Italy alimentare. Non a caso oggi ai Campionati della cucina italiana ospiteremo gli allenamenti della nazionale italiana cuochi, in preparazione ai prossimi campionati del mondo”.

 Gli auguri per Beer & Food Attraction 2022

Lunedì: seconda giornata il “Congresso dell’Horeca”

Del nuovo inizio del fuoricasa italiano si parlerà  lunedì 28 marzo alle 11, al “Congresso dell’Horeca”, l’evento più importante dell’International Horeca Meeting di Italgrob, che presenta il primo rapporto Italgrob-Censis dedicato al valore economico e sociale della distribuzione horeca nel post pandemia. Si tratta di uno studio inedito e approfondito del mercato del fuoricasa, che analizza i nuovi bisogni dei consumatori e individua i drive di sviluppo di un settore strategico per il Paese, non solo dal punto di economico, quanto sociale.

A partire da opinioni, comportamenti e aspettative degli italiani, il rapporto fissa una verità elementare: nonostante divieti, chiusure e restrizioni del biennio pandemico, il fuoricasa continua ad essere un componente costitutivo dello stile di vita italiano. A intervenire, tra gli altri, il CEO di Italian Exhibition Group Corrado Peraboni e il presidente di Italgrob Antonio Portaccio. A moderare l’incontro sarà la giornalista di Mediaset Veronica Gentili.

Da segnalare infine che nei padiglioni della fiera sono presenti 360 brand, disposti su 30.000 mq di esposizione e 85 buyer esteri (selezionati in collaborazione con Ice Agenzia e la rete degli agenti Ieg), provenienti da 24 paesi che hanno già fissato oltre 1.000 appuntamenti con gli espositori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: