L’edizione 2022 di Cibus, organizzata da Fiere di Parma e Federalimentare, ha superato le attese tornando a numeri pre-pandemia nonostante l’endemia strisciante del Covid e il conflitto in Ucraina”. Così recita il comunicato ufficiale emesso da Cibus a conclusione della 21° edizione della fiera.

E’  stata una rappresentazione corale, ma non inaspettata -afferma la nota-, della vitalità del made in Italy agroalimentare e della manifestazione fieristica che lo rappresenta da oltre quarant’anni.

Gli operatori esteri, arrivati grazie al grande lavoro di ICE Agenzia, e quelli italiani hanno potuto approfondire le opportunità dei loro assortimenti scoprendo le migliaia di novità spesso legate alla tradizione dei territori.

La vera novità di Cibus 2022 è proprio che la crisi ha dimostrato la solidità delle imprese a carattere familiare del nostro Paese, che hanno continuato a lavorare e a progettare anche durante la emergenza pandemica e la crisi Ucraina senza lasciarsi scoraggiare, anzi aumentando i loro sforzi per raggiungere l’eccellenza e la sostenibilità dei loro prodotti.

Tutti gli operatori hanno confermato che il Made in Italy agroalimentare è la ricetta ideale non solo per la ristorazione, come possiamo leggere ormai da decenni sulle tavole di tutto il mondo,  ma anche per il retail dove i nostri prodotti si stanno trasformando da nicchia di importazione a mainstream per i consumatori. Nel corso dei tanti convegni dedicati alle problematiche del Fuori Casa, della Grande Distribuzione, delle Private Labels, dell’Agricoltura, dell’Industria, della Ricerca scientifica, è stata ribadita questa migrazione qualitativa dei consumi verso prodotti più sani e più sostenibili dei quali il made in Italy alimentare è campione, proprio grazie alle sue radici e alle sue tradizioni.

Questa domanda che continua a crescere in doppia cifra, ormai da oltre 10 anni, da parte degli importatori e distributori ha imposto agli organizzatori di calendarizzare Cibus anche nel 2023 ( dal 29 al 30 marzo) in armonia con l’altra grande fiera del made in Italy, Vinitaly, in un format più leggero, proprio per consentire agli operatori internazionali di spendere più giorni sul territorio per visitare e conoscere da vicino le imprese che hanno reso celebre l’agroalimentare italiano.

Stefano Fanti direttore Consorzio Prosciutto di Parma con il ministro Mipaaf Stefano Patuanelli

Nel corso della quarta e ultima giornata, Cibus 2022 ha voluto sottolineare il ruolo della ristorazione italiana nel mondo, ambasciatrice della cucina italiana e della molteplicità delle produzioni alimentari del Bel Paese. Nel corso del convegno “Il futuro del fuoricasa: la ristorazione al servizio del Made in Italy”, la Associazione culturale “I Love Italian Food” ha riferito di aver creato una rete di circa 20mila ristoratori, in tutti i continenti, per i quali organizza eventi B2B, food festival e formazione professionale.

Le nuove proposte di prodotti alimentari industriali eco-innovativi sono state presentate nella 12° edizione di “Ecotrophelia Italia”, organizzato da Federalimentare, cui partecipano gli studenti delle Università e degli Istituti Tecnici.

A Cibus è stato poi eletto il “Miglior Formaggiaio d’Italia” (ne daremo notizia nei prossimi giorni ndr) a seguito del concorso cui hanno partecipato banconisti dei formaggi dei piccoli negozi e della Grande distribuzione, organizzato da Guilde Internationale des Fromagers Italia e dal gruppo editoriale Tespi.

Anche quest’anno si è svolta la iniziativa Cibus Food Saving, realizzata dal Banco Alimentare per recuperare a fine fiera le eccedenze degli espositori. Gli alimenti donati dalle aziende espositrici, ancora in perfetto stato, vanno a 742 strutture caritative convenzionate.
Infine, è stato presentato a Cibus un progetto di Fondazione Fiera Milano, Fiere di Parma e Federalimentare per realizzare due mense in Ucraina per i profughi che si affollano lungo i confini.

Da un precedente comunicato stampa di Cibus:

“A Cibus è stato presentato il progetto “Cibus4Sustainability”, ideato da Fiere di Parma in collaborazione con PwC Italia, Federalimentare, e Food. L’obiettivo è quello di diffondere esempi virtuosi negli ambiti del packaging sostenibile, dell’efficienza energetica, dello spreco alimentare e della sostenibilità sociale. “Crediamo nell’importanza di promuovere buone pratiche di sostenibilità lungo la filiera agroalimentare e siamo pertanto molto soddisfatti dei risultati di questa prima edizione di Cibus4Sustainability e della partecipazione attiva e numerosa delle imprese espositrici” ha affermato Erika Andreetta, Partner PwC Italia.

Un esempio concreto arriva da ANICAV (Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali) che ha sottolineato a Cibus le caratteristiche green dell’acciaio e delle lattine di pomodoro, totalmente riciclabili. In un convegno sono state illustrate le attuali modalità di riciclo della banda stagnata e l’impegno per ridurre al minimo le emissioni di CO2.

Ma la transizione verso produzioni sostenibili va coniugata con gli obiettivi di una maggiore food security: è questa la vera sfida per i sistemi agroalimentari, come sottolineato oggi a Cibus da Confagricoltura. Vanno ripensate le politiche nazionali ed europee ormai indirizzate a privilegiare forse troppo gli aspetti legati all’ambiente, alla tutela della biodiversità e dell’ecosistema. “È arrivato il momento di includere nella strategia di crescita un principio su cui Confagricoltura si batte da tempo: non c’è contrapposizione tra produttività e sostenibilità”. – ha sostenuto Massimiliano Giansanti, Presidente di Confagricoltura – “I problemi sono tanti e colpiscono direttamente le imprese; tuttavia, se vogliamo vincere la sfida, dobbiamo lavorare insieme, con tutta la filiera a monte e a valle del nostro settore, per vedere riconosciuti il valore delle produzioni agricole e il ruolo attivo nei processi di transizione energetica ed ecologica”.

Su questi temi Gustoh24 interverrà con appositi servizi.

Fiere Parma, Cellie: “accordo Cibus-Tuttofood”

E’ all’attenzione degli azionisti, (leggere su Gustoh24).

Fiere Parma, Cellie: “accordo Cibus-Tuttofood è all’attenzione degli azionisti”

Le iniziative firmate Gustoh24, Fondazione UniVerde e Vas

Giorgio Calabrese, Alberto Spagnolli e Alfonso Pecoraro Scanio

L’ “Efsa è sempre più vicina” al Cibo Sostenibile

L’obiettivo in questo 2022 è infatti quello di ampliare” le attuali competenze dell’Efsa ai temi “strategici” della Sostenibilità e alla Qualità del Cibo. (cliccare qui su Gustoh24)

Un progetto Gustoh24, Fondazione Univerde e VAS

Estendere le competenze dell’Efsa anche alla Qualità e alla Sostenibilità del Cibo”. Un Appello alla Commissione Europea e all’Efsa.

Su Gustoh24

PARMA EFSA: Sicurezza alimentare è anche Qualità e Sostenibilità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: