Presentata a Milano la  prima edizione del World Aperitivo Day: la giornata mondiale dedicata a uno dei più antichi e iconici rituali dell’italianità rivolta a tutti i consumatori e attori del mondo della somministrazione e legata ai valori fondanti del Manifesto dell’Aperitivo, un decalogo pensato e sottoscritto per l’occasione insieme alle Istituzioni.

La giornata sarà celebrata il 26 maggio con un evento fisico e sui canali social, attraverso i quali, usando l’hashtag #WorldAperitivoDay, il pubblico è invitato a raccontare la propria interpretazione dell’Aperitivo ideale, realizzato secondo i principi del Manifesto.

Nel corso della presentazione, moderata da Francesca Romana Barberini, sono intervenuti Federico Gordini, Presidente MWW Group; gli Chef Ambassador Andrea Berton, Daniel Canzian e Viviana Varese; il Barman Ambassador Filippo Sisti, il Sommelier del Ristorante Berton Luca Enzo Bertè e il Sommelier del DanielCanzian Ristorante Silvio Toselli; Alessandro Lupo – Director Brand Marketing & Communication Carrefour Italia – e Giuseppe Monopoli – Partnership Manager Haier Europe.

La parola a Federico Gordini

L’Aperitivo non è solo un rituale-simbolo del lifestyle italiano, ma la prossima grande occasione di promozione delle nostre eccellenze a livello mondiale – ha spiegato Federico Gordini, presidente di MWW Group – Quello dell’Aperitivo è un format che corrisponde a un valore di mercato che solo in Italia si è attestato nel 2019 a 4,5 miliardi di euro. E anche nel 2020-21, con la pandemia e le chiusure, gli italiani non hanno voluto rinunciare a questo rituale, che ha riscoperto la dimensione domestica con un boom dei consumi tra le mura di casa. Con le riaperture sono tornati poi a crescere anche i consumi fuori casa: nell’estate 2021 sono stati 170 milioni gli aperitivi bevuti, 15 milioni in più rispetto al 2020. Grandi numeri che non tengono neanche conto di una delle due componenti fondamentali dell’Aperitivo italiano: l’elemento Food, che da solo rappresenta uno dei più importanti beni italiani in termini di valori di mercato e di prestigio sia in Italia che all’estero”.

Il Manifesto dell’Aperitivo per valorizzare il patrimonio enogastronomico regionale

L’iniziativa prende vita con il supporto dei Main Sponsor dell’evento, Carrefour e Candy, che in collaborazione con le Istituzioni, le organizzazioni di rappresentanza delle filiere dell’agroalimentare Made in Italy, i Consorzi, i partner coinvolti nel progetto e gli Ambassador di World Aperitivo Day, il 26 maggio si riuniranno per sottoscrivere il Manifesto dell’Aperitivo con l’obiettivo di individuare e codificare i valori fondanti di questo cerimoniale quotidiano dell’italianità.

Tra questi, l’impiego di prodotti di denominazione e di filiera che garantiscano il consumatore e tutelino l’originalità del Made in Italy nel mondo, la valorizzazione del patrimonio enogastronomico regionale e la costruzione di una cultura dell’abbinamento dei nostri prodotti con quelli provenienti dalle tradizioni del food e del beverage di tutto il mondo. Con due criteri fondanti: il primo, legato all’importanza dell’accostamento tra Beverage e Food realizzato attraverso gli abbinamenti che, in occasione del World Aperitivo Day, saranno proposti da celebri chef e autorevoli mixologist e sommelier; il secondo, legato alla scelta degli ingredienti: è Aperitivo se è Italiano almeno al 50%” (ovvero se almeno il 50% degli ingredienti che compongono l’abbinamento è rappresentato da prodotti italiani).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: